Archivi tag: bancali EPAL

Come è fatto il pallet EPAL

Nello scorso articolo abbiamo iniziato a parlare del pallet EPAL, in questo articolo parleremo di com’è fatto il pallet EPAL, misure ed elementi costitutivi.

Il pallet EPAL è costituito da:

  • 11 tavole in legno
  • 9 blocchetti in legno pressato
  • 78 chiodi

Il peso totale del pallet si aggira tra i 22 ed i 25 chilogrammi.

Pallet EPAL parti
Elementi costitutivi Pallet EPAL

Passiamo ora ad esaminare le tre diverse componenti, sopracitate, che compongono il pallet EPAL.

Le tavole

Le tavole che costituiscono un pallet sono 11 ma tra di loro non sono tutte uguali.

Cerchiamo di fare chiarezza.

  • 4 tavole 1200 x 145 x 22 mm
  • 4 tavole 1200 x 100 x 22 mm
  • 3 tavole 800 x 145 x 22 mm

Adesso sappiamo come sono divise queste 11 tavole ma quale tavola va dove?

Tre tavole 1200 x 145 x 22 mm vanno a comporre insieme a due tavole 1200 x 100 x 22 mm il piano superiore del pallet.

La restante tavola 1200 x 145 x 22 mm insieme alle restanti due tavole 1200 x 100 x 22 mm vanno a costituire il paino inferiore del pallet.

Le tre tavole 800 x 145 x 22 mm fungono da raccordo ed unione tra tutte le tavole infatti vanno inchiodate trasversalmente.

Qui sotto uno schema riassuntivo con un’immagine esplicativa.

EPAL PALLETS tavole e blocchetti
EPAL PALLETS tavole e blocchetti
Tabelle epal
Tabella EPAL

Blocchetti in legno pressato

Così come le tavole anche i nove blocchetti in legno pressato non sono tutti uguali.

Sei blocchetti hanno dimensioni 145 x 100 x 78 mm, mentre le dimensioni dei restanti tre sono 145 x 145 x 78 mm.

I blocchetti in legno servono per unire tra loro le diverse tavole e dare solidità e robustezza al pallet.

Il pallet in totale è alto 14 cm.

Chiodi

Per fare il pallet si usano 3 diversi tipi di chiodi, più nello specifico:

  • 27 chiodi anellati convessi 3,4/3,6 x 90 mm
  • 27 chiodi anellati convessi 3,4/3,6 x 70 mm
  • 24 chiodi anellati convessi 2,8/3 x 40 mm

Quanti tipi di pallet EPAL esistono?

Esistono quattro tipi di pallet EPAL e la differenza sta nelle dimensioni.

Oltre al classico pallet EPAL 800×1200 mm (EPAL 1) con un peso di circa 23 Kg esistono:

Il pallet 1200×1000 mm (EPAL 2) che viste le dimensioni maggiori pesa leggermente di più 25 Kg;

Il pallet 1000×1200 mm (EPAL3) che arriva a pesare 29 Kg.

Poi esistono due diversi tipi di mezzi pallet 800×600 mm, uno interamente in legno EPAL 6 ed uno con i tacchetti in metallo il così chiamato pallet Dusseldorf.

Pallet EPAL

A questo primo articolo introduttivo ne seguiranno altri in cui man mano andremo ad approfondire tutte le tematiche legate al pallet EPAL.

Il pallet EPAL nasce come discendente del pallet EUR per una necessità di ulteriore controllo sul prodotto pallet sia dal lato della qualità sia dal lato delle prestazioni. Inoltre il parco pallet EUR oramai stava invecchiando quindi anche questo contribuì alla creazione del nuovo parco pallet EPAL.

 

pallet epal
Pallet EPAL

Come già descritto nell’articolo riguardante il pallet EUR, ci fu un periodo di convivenza tra il pallet EUR e il pallet EPAL. Addirittura ci fu un periodo in cui i pallet erano marcati con entrambi i marchi sia EUR che EPAL. Una volta che i pallet EUR diventarono troppo logori e antieconomici da riparare vennero sostituiti completamente dal pallet EPAL.
Non vi è una sostanziale differenza tra il pallet EUR ed il pallet EPAL tranne che il secondo è sottoposto a più controlli e vincoli stringenti rispetto al suo predecessore.
Il pallet EPAL infatti rispetta perfettamente le specifiche tecniche presenti nei capitolati delle Fiche UIC 435-2 UIC 435-4 in quanto è sottoposto costantemente a controlli di qualità sia durante la produzione che la successiva eventuale riparazione.
EPAL è il marchio dell’organismo che garantisce la qualità del pallet. L’Europian Pallet Association nasce in Europa il primo gennaio 1995 e arriva in Italia il primo marzo 1999.
Quindi il pallet EUR che subiva pochi controlli e che con le diverse riparazioni aveva portato ad avere un parco pallet disomogeneo perché non controllato, viene sostituito dai pallet EPAL omogenei e di qualità superiore in quanto sempre controllati, anche dopo la riparazione, e nel rispetto delle norme presenti all’interno delle Fiche UIC.
Man mano che si va avanti la qualità sale e risponde a nuove esigenze quali quelle dell’esportazione.
Il primo gennaio 2010 EPAL stabilisce l’obbligo di possesso, per tutti i produttori di pallet EPAL, di un’apposita autorizzazione fitosanitaria ISPM No. 15 del proprio paese per l’utilizzo esclusivo di legno trattato termicamente (HT). Il legno HT, ricordiamo, è un legno trattato con alte temperature al fine di uccidere eventuali batteri del legno presenti all’interno della struttura stessa.
Dal primo gennaio 2013 questo obbligo vale anche per i riparatori di pallet EPAL.

Nel prossimo articolo parleremo di come è fatto il pallet EPAL e i suoi elementi costitutivi.